Google+ Followers

venerdì 7 giugno 2013

Dear Eve K., you suck.

Ieri. Ieri schifo totale.
La mattina sono andata a casa di Courtney, stava in crisi. Ma ho avuto la sensazione di non averla aiutata per niente.
Torno a casa, mi prende una crisi di pianto. Più che piangere mugugnavo a dire il vero. Mi sono praticamente accasciata addosso a mia madre che, con mia grande sorpresa ha detto frasi del tipo:"Piccola, che hai? Sfogati, amore mio, fai uscire tutto il dolore che hai dentro... Sei il mio tesoro, non voglio che soffri..." e mi accarezzava i capelli, mi abbracciava forte.
E' stato un bel momento e me lo sono goduto tutto. Anche quando mi ero tranquillizzata continuavo a stare tra le braccia di lei, come se volessi colmare tutto il vuoto dei miei 21 anni.

La sera stavo meglio. Molto meglio. Poi lei inizia a mettermi ansie. Ansie su stupidaggini che non sto qui a scrivere. Io mi stavo agitando ma ho pensato di rimanere calma. Così sono andata a farmi la doccia. E mi sono tagliata sulla coscia.
Poi mio padre. "Posso dirti una cosa? Tu... PRIMA ERI la figlia che tutti volevano. Matura, bella, gentile, solare..." e ha troncato la frase a metà. Ma anche solo questa già bastava. Io ERO la figlia perfetta. IO ERO. E ha aggiunto:"Spero che tu non abbia questo atteggiamento così permaloso e acido anche nei confronti di altre persone oltre tua madre. Altrimenti RIMARRAI DA SOLA, NON AVRAI PIU' NESSUNO."

E io non rispondevo. Me ne andavo a letto, con la mia bella ferita nuova e un nodo nella gola. Ho pianto. Non tante lacrime, ho pianto dentro. Le lacrime non uscivano. Stavo male male.
Mio padre l'ho deluso. Per ogni scelta o azione che ho fatto. L'ho deluso perchè 7 anni fa ho pensato bene di ammalarmi.

Bello, bello, mi piace tutto della mia vita, di me. Mi piace che sono bellissima, perfetta, bravissima. Grazie mamma e papà, vi voglio bene anche io.

Arriverà il giorno in cui me ne sbatterò di quello che dite. Forse non è ancora il momento.


2 commenti:

  1. E con te stessa? Cos'hai fatto con te stessa? Ti sei delusa o no, con tutto quello che stai facendo adesso, per l'impegno che ci metti per cercare di migliorare la situazione? Se non ti sei delusa per te stessa, questa è l'unica cosa che veramente conta. Al diavolo quel che dicono gli altri: vivi per te, non per loro.
    Ti abbraccio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per il consiglio. Spero un giorno di potermi far scivolare addosso TUTTO quello che la gente dice, anche se quelle persone dovessero essere i miei genitori.
      Un abbraccio stretto anche a te.

      Elimina