Google+ Followers

mercoledì 12 giugno 2013

49.7

Obiettivo 48. Quel 48 che la psicologa mi ha tanto raccomandato di non raggiungere.

Le persone normali mantengono i rapporti. Le persone normali VOGLIONO rapporti. Li curano, li fanno crescere, li mantengono stabili. Io invece...

Io li creo, ci gioco un pò, li spappolo, li faccio in mille pezzi e poi mi diverto, mi consumo per rimettere insieme quello che ho distrutto. Con le mie parole. Con le mie azioni.

E le persone ti corrono dietro, fanno di tutto per afferrarti. Ma tu sei lontana, irraggiungibile. E dopo qualche tempo prendono consapevolezza che non possono sprecare la loro vita dietro a te. E quindi se ne vanno, silenziosamente. E tu rimani sola, sempre più sola. Hai fatto tutto tu, è solo colpa tua. E loro che non ti capiscono. E loro che te l'avevano detto.

Una volta dissi ad un 'amico':"Tu non mi capirai mai." Ecco, quella frase lo ferì profondamente perchè pensava gli avessi dato dello stupido. Avrei voluto dire che dicevo così perchè neanche io mi capisco. Perchè ho un pò di problemi. "Senti, visto che non li posso sapere, non li menzionare nemmeno gli stupidi problemi che dici di avere." Giusto, pensavo io.

Quando qualcuno non capisce è difficile. Quando in una discussione tu ti senti giù, ti prendono le crisi e la persona dall'altra parte continua a ribattere sul fatto che sta più male lei di te. Che lui ha ragione e te hai torto. Che lui è buono e tu sei cattiva.

Tu sei cattiva perchè sei diventata cinica. Perchè non vuoi che fonti esterne (per quanto possibile) ti facciano soffrire. Perchè tu te lo ricordi ancora. Te lo ricordi quando lui ti guardava e ti faceva le promesse e piangeva abbracciato a te e ti asciugava le lacrime. Ti ricordi quando di colpo è sparito e tu sei rimasta con una manciata di promesse non mantenute e qualche ricordo nella testa. E tu eri quella matta, che aveva fatto tutto da sola. Tu lo sai che 'non ti lascerò mai' non è mai vero. Lo sogni ancora qualche notte e se ti svegli ti metti a piangere.

Che poi ti ricordi pure di quando eri vuota. Perchè non mangiavi e perchè niente desideravi. Che fissavi il soffitto sdraiata sul divano. E quando chiedevi a Courtney:"Lui torna, vero?" e lei non lo sapeva; non lo sapeva nessuno.

Quanto è difficile non tagliarsi. Non farsi male. Ricorda la promessa.

Perchè non senti più i sentimenti, Eve K.? Perchè? Perchè non vuoi essere felice? Ma che ci fai ancora qui, cosa aspetti ad andartene?



Irlanda, Connemara.


Irlanda mi manchi. Mi manchi proprio un casino. Arriverò, vedrai.

8 commenti:

  1. Ora come ora, ci scapperei insieme a te.
    Io non mi ricordo neanche più come si inizia un "rapporto", figuriamoci come si porta avanti. Credo che per stare con gli altri (specialmente starci bene) ci voglia un talento speciale o una beata superficialità, che io proprio non possiedo. Ho avuto la fortuna d'incontrare te e J. finché ero in tempo per costruire qualcosa di buono, se dovessi perdere voi due penso che resterei completamente sola per un millennio circa.
    Ma sai, continuo ad essere convinta che per quanto complicata e strana puoi apparire, se una persona ci tiene a te ed a capirti non se ne va. Sono tutti abituati alle cose facili e dirette. Prima o poi troverai qualcuno con cui fare discorsi metafisici, vedrai...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per l'incoraggiamento Twin... Magari arriverà un buon momento per noi...

      Elimina
  2. Io penso che per stare bene con gli altri., prima di tutto bisogna stare bene con se stessi, e noi sappiamo benissimo che con noi stesse non stiamo bene.
    Coraggio tesoro...
    Forza
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione... Bisogna lavorarci su.
      Un caro abbraccio

      Elimina
  3. I rapporti sono così difficile da mantenere. Avrei scritto i tuoi pensieri con le stesse parole. La difficoltà è proprio non distruggerli, non si capisce bene perchè. Forse si tratta di voler stabilire prima un rapporto autentico con noi stesse per permetterci di relazionarci agli altri di conseguenza. Sarà così. Ma il problema rimane..
    Ti stringo,
    Ima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di migliorare presto...
      Un abbraccio forte

      Elimina
  4. Ciao bella...
    Mi trovo nella tua stessa situazione.
    Un giorno ti renderai conto che l'unica soluzione sarà traslocare in quel luogo ameno che tanto desideri, e quando raggiungerai l'obiettivo, allora non disgregherai più i tuoi rapporti sociali, ma sarai felice di alimentarli; non ti darai più la zappa sui piedi con l'inquietudine e l'insoddisfazione.
    Sono sicura che presto, molto presto sarai felice; sarai felice perchè sarai L I B E R A.

    Ti stringo forte, e Coraggio!!!!
    Carlotta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per queste parole. Ora come ora,partire mi sembra davvero l'unica soluzione. Spero di riuscirci presto.
      Ti abbraccio forte! <3

      Elimina